Autore,  Segnalazioni

Segnalazione: “Abbronzati a sinistra” di Elio Paoloni.

Good evening readers! Oggi voglio segnalarvi una storia dalle tinte ironiche, ma allo stesso tempo profonde. Un racconto di pellegrinaggio e di nuove esperienze, dove il sole non manca mai!

Una cover dalle sfumature giallastra e misteriose, dice e non dice nulla sulla storia che affronteremo leggendo questo romanzo a dir poco ammaliante.

Non si tratta di una guida turistica su Capalbio ma di un falso diario di viaggio sul Cammino di Santiago (abbronzati a sinistra sono i pellegrini, che hanno il sole perennemente sulla sinistra).

E’ un testo unico, ironico, a volte sarcastico, che è anche percorso intimo, tra epifanie sconvolgenti e subitanei ridimensionamenti, sempre insomma sul crinale tra fede e scetticismo; un viaggio “raccontato con contemporaneo disincanto e un sentimento antico del sacro, o forse, al contrario, nuovi sentimenti e antico disincanto”, come ha scritto Livio Borriello.

Il libro è riassunto perfettamente dalle tre epigrafi: una partenza svagata, inconsapevole, quasi un prurito primaverile (Chaucer), poi l’affacciarsi delle inquietudini spirituali (Huysmans) e l’incontro per nulla dolce col sacro (Genesi).Per chi ama i racconti di viaggio – o semplicemente la buona letteratura – e per ogni individuo che si interroga sulla Fede.”Il Camino è una vita condensata, un Bignami d’acciaio: ti ripropone in breve tutte le lezioni già impartite dalle quali non hai tratto beneficio.

Te le imprime così velocemente, te le impartisce così fisiologicamente che proprio non puoi fare a meno di ‘capire’. Non col cervello ma con ogni fibra muscolare, con ogni organo. Col midollo. E’ una marchiatura: i timbri sono sul corpo, non solo sulla Credenziale”.

La sua trama ti riscalda e ti rapisce a sé, a chi non piacciono i viaggi? A me sicuramente piacciono molto e non vedo l’ora di poter far parte di questo entusiasmante pellegrinaggio!

Qui sotto un’intervista di Davide Brullo:

E voi cosa ne pensate di questo racconto avventuroso?

La vostra Sara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *