Genesis Publishing,  Recensioni

Recensione: “Revenge gli occhi del Killer” di Martina Marastoni!

Hola lectores, oggi voglio introdurvi in un mondo misterioso, dove un Killer dalla mente contorta rapisce e tortura le sue vittime. Curiosi?

Le prime pagine di questo libro, iniziano “mostrandoci” piano piano il nostro killer e il suo modus operandi, un uomo dagli occhi di ghiaccio e un cuore ancora più gelido, che non si farà scrupoli sulle sue vittime; è pieno di rabbia verso le donne a causa di un suo trauma vissuto da bambino con la sua giovane madre. Non lo amava e non si lasciava scappare nessuna occasione per ferirlo sia mentalmente che fisicamente. Così nel corso degli anni la sua furia assassina inizia a crescere sempre più e con essa iniziarono i suoi primi rapimenti. Rapiva le donne, le torturava per sfogare la sua rabbia repressa e poi le uccideva a seconda dei suoi umori e giochi del momento.


Però un giorno una giovane ragazza catturò i suoi occhi e il killer ne divenne ossessionato, così la decise di rapirla anche se per i suoi “standard” non era la donna giusta su cui liberare i suoi demoni, però la ragazza dall’inizio sembrerà diversa dalle sue precedenti vittime e il killer inizierà a provare delle emozioni e dei sentimenti che non aveva mai avuto per nessuna. Nel corso del racconto i due nostri protagonisti si avvicineranno molto l’uno con l’altro, ma il loro “rapporto” sarà incredibile intrigante. Resta a voi scoprire come procederà questo racconto misterioso e macrabro!

Ho avuto occasione di leggere questo libro grazie alla Genesis Publishing, mi aveva incuriosito molto la sua trama semplice ma allo stesso tempo molto accattivante, così ho richiesto l’ebook per la recensione poiché non vedevo l’ora di leggerlo!

La scrittura della nostra Martina è a dir poco ammaliante e sbalorditiva, non mi aspettavo mi rapisse -gioco di parole per la storia del libro- in questo modo, a ogni pagina che leggevo desideravo sempre scoprire di più sul killer e la ragione per cui ha preso la strada di assassino seriale. Il libro si legge come un sorso d’acqua, non ha mai buchi o momenti che ti annoiano. Il suo talento è palpabile fin da subito, perché è una di quelle storie dove il lettore brama sempre di saperne di più.


Leggere questo libro è stata un’esperienza bellissima, dove in molti momenti della narrazione mi sono sentita vicina sia al killer che alle sue vittime, sono una persona che non divora i libri in poche ore, ma questo l’ho davvero letto in tempo di record ve lo assicuro. Amo sempre poter rendere vivide nella mia mente le “scene” dei momenti di più suspense o sentimento dei romanzi che leggo, ma con Martina è stato diverso ancora prima che finissi di leggere un capitolo, avevo già impresso nella mente la scena che più mi aveva colpita come fosse stata una cosa automatica. 

Questo libro mi ha fatto riflettere un po’ sulla vita del nostro killer, di come il passato possa diventare un’ossessione e un peso enorme anche per il nostro presente e futuro; di come le azione che si infliggono su di noi non spariscano mai del tutto, spesso si sentono molte storie di omicidi che ti fanno accapponare la pelle per la loro crudeltà e si scopre che la persona che li ha commessi avevo un passato torbido e oscuro dentro di sé. Quel passato lo aveva trasformato nella bestia seriale che era diventato. E penso che questa persona tra sé e sé non volesse diventare ciò che è e che spesso si chiedesse “Se avessi avuto un passato diverso, come sarei ora? Quale sarebbe stato il mio futuro?“.


Tutti dentro di noi abbiamo i nostri demoni, però in pochi riescono a prendere il controllo di loro e non farsi sopraffare. I demoni hanno bisogno di cibarsi del rancore, odio e rabbia e se noi li aiutiamo a crescere con questi sentimenti porteremo la nostra vita in un’oscuritá da cui non troveremo via di scampo. 

Ed è proprio quello che è successo all’assassino, che divorato dalla rabbia, dall’odio e dal rancore, i suoi demoni hanno avuto la meglio sulla sua stessa coscienza.


In questa narrazione sono stata in grado di percepire sulla mia pelle tutte le emozioni delle vittime del nostro assassino, la loro paura, angoscia, e la fermezza con cui non volevano cedere alla morte. Devo dire che mi sono avvicinata anche al killer, perché ho compreso come tutto ciò per lui abbia avuto inizio, come il dolore lo avesse divorato sin da bambino fino alle sue interiora

Se siete amanti dei gialli come me, vi consiglio davvero di leggere questo romanzo e non vi pentirete manco un secondo di aver seguito il mio consiglio. 

Voto 📚📚📚📚 /5

La vostra Sara!

+ posts

Sono una ragazza dalle mille sfumature, innamorata dell'intrattenimento intrigante come libri e film incentrati su thriller, fantasy o storici. Amo scoprire nuovi paesaggi ascoltando sempre la musica di Michael Jackson.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *