Buongiorno readers! Oggi vi parlo del romanzo intrigante fatto di temi importanti di Rina Kent: Cruel King, primo volume della serie romance Royal Èlite. Pronti ad assaporarlo?

Cruel King: amore, bullismo e molto più

Nella scuola più esclusiva d’Inghilterra, la Royal Élite School, dominio incontrastato di una sola dinastia, sta per iniziare una partita tra un re (nero) e una principessa che… ancora non sa di essere una regina.

King contro Clifford.

Levi King fa parte di una delle famiglie inglesi più ricche e influenti, è il capitano della squadra di calcio della scuola, ha tutti ai suoi piedi e la sola cosa che desidera è una libertà che non può ancora avere.

Non ho ancora deciso se sei la mia condanna o la mia salvezza.

Astrid Clifford vorrebbe solo essere invisibile, dedicarsi alla sua arte e, soprattutto, poter riscrivere la notte in cui ogni cosa è cambiata.

Non tocca a te combattere i miei demoni.

I loro incontri hanno il sapore di una guerra, ma ben presto si trasformeranno in una passione bruciante. L’ossessione di Levi per Astrid è inspiegabile e più lei cerca di allontanarlo, e allontanarsi, più non può fare a meno di lui. Ma la vita non fa sconti e un segreto del passato rischierà di distruggerli e annientare tutto ciò che li lega.

Benvenuti alla Royal Élite School, dove non sono ammessi perdenti.


Regole ed etichette

Due sono le regole a cui Astrid Clifford deve attenersi nella sua nuova vita:
– non disonorare il cognome Clifford,
– stare lontana dal cognome King.

Astrid è una giovane ragazza che, dopo la morte della madre, va a vivere con il padre Lord Clifford, un uomo tutto d’un pezzo con al fianco una moglie perfetta e una sorellastra che la odia. La giovane deve resistere ancora un anno per lasciare le mura di quella immensa villa, per cambiare vita e lasciarsi alle spalle tutta la sofferenza che le provoca vivere con un padre che non riconosce più.

Astrid è una tosta, sopravvissuta a due incidenti che avrebbero potuto ucciderla, lotta con le unghie e con i denti per fare valere le sue ragioni e non farsi piegare dalle rigide etichette della nobiltà inglese.

Levi King è il capitano della squadra di calcio: bello, dannato e con uno stuolo di ragazze pronte a fare di tutto per poter passare del tempo con lui. È il re della scuola e nessuno osa contraddirlo. A casa, però, è tutta un’altra storia perché dopo la morte del padre, è costretto ad andare a vivere con suo zio che non perde occasione per sminuirlo e rinfacciargli ogni cosa.

Levi è strafottente, impulsivo, a tratti violento e possessivo, ma l’incontro con Astrid cambierà la sua vita.

Doppio pov in Cruel King

Grazie al doppio punto di vista sono riuscita a capire meglio le azioni, i sentimenti e i pensieri dei due protagonisti.

Levi è il classico bad boy, forse un tantino eccessivo in determinate situazioni, ma l’ho amato dall’inizio alla fine perché nessuno riesce a capirlo, nessuno si impegna a conoscerlo meglio, tutti vogliono le sue attenzioni ma per i loro scopi. Un ragazzo solo, ferito, sempre pronto a mettersi nei guai per rovinare lo zio che tanto odia. Solo Astrid riesce vederlo davvero, una stella che brilla e che riesce a portare la luce nel buio che Levi ha dentro.

«Non ho bisogno di vedere l’oscurità dell’anima di Levi per percepirla. Permea l’aria come un fumo soffocante e impenetrabile.»

I personaggi secondari incontrati durante la lettura sono tutti ben caratterizzati e giocano un ruolo fondamentale nelle azioni dei due protagonisti, ognuno ha una storia da raccontare e ora aspetto con ansia gli altri libri della serie.

In questo libro targato Hope Edizioni non ci si annoia mai: colpi di scena, intrighi, segreti e bugie mi hanno resa “dipendente”, non riuscivo a staccarmi dalla lettura tanta era la voglia di leggere gli sviluppi della storia.

Storia fluida con flashback

Lo stile dell’autrice in Cruel King è semplice, fluido, non ci sono momenti morti ed è stata brava a descrivere nei minimi dettagli le emozioni di Levi e Astrid.

Ho sentito la paura e l’angoscia di Astrid quando rivive, grazie a dei flashback, il momento dell’incidente che ha causato la morte della adorata mamma. Ho provato la rabbia di Levi quando suo zio lo minacciava di portargli via tutto e lo denigrava solo per il puro piacere di vederlo soffrire.

Un romanzo ricco di emozioni che lasciano il segno e che ho percepito una a una.

Bully romance con temi importanti

I temi di questo romanzo sono tanti: il primo fra tutti è il bullismo perché prima di capitolare, Levi renderà la vita di Astrid un vero e proprio inferno. Altro argomento importante in questo romance è l’abuso di sostanze stupefacenti che portano a commettere azioni deplorevoli per il solo scopo di ottenere qualcosa.

In Cruel King si parla anche di amore, a volte tossico, ma è quell’amore che ti fa fare cose che non avresti mai pensato e che ti rende una persona migliore. Troviamo quell’amicizia che lega due persone e le spinge a proteggersi a vicenda e a sostenersi.

Questa lettura ve la consiglio se amate i bully romance, se vi piacciono le storie d’amore un po’ tossiche e fuori dagli schemi e soprattutto se avete un debole per i bad boy.

Classificazione: 4.5 su 5.

Valentina!

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: