Buongiorno, lettori! Parliamo di un cozy fantasy sul coraggio e lontano dagli stereotipi: Legends & Lattes di Travis Baldree edito da Oscar Vault Mondadori. Conoscevate questo romanzo?

Oggi vi mostro un altro lato di me, quello che mi accompagna sin dalla mia infanzia: il mio amore per i fantasy, di quasi qualunque genere. Sono cresciuta in mezzo alle edizioni Nord (chi ha più di trent’anni le ricorderà con affetto, per tutti gli altri non garantisco), volumi con la carta spessa, capaci di portarti in mondi lontani con la forza delle loro pagine.

Mio padre è sempre stato il mio più grande consigliere: grazie a lui, ho scoperto una delle mie saghe preferite, Nightrunner (che, all’epoca, era la saga di Kerry, chissà poi perché), mi sono emozionata insieme a Bastian leggendo La storia infinita, sono stata accanto alla piccola Momo durante le sue avventure…

L’amore per il fantasy è qualcosa che mi è rimasto dentro, evolvendo insieme a me e, negli ultimi mesi, mi ha fatto scoprire un titolo di recente uscita, Legends & Lattes, di Travis Baldree.

Legends & Lattes di Travis Baldree

Viv è un’Orchessa e fa quello che fanno le orchesse: per tutto il giorno spacca crani, sparge sangue, semina morte e distruzione. Giunta a una certa età, però, si è stufata della routine della guerriera e così – complici una leggenda dimenticata, un manufatto magico e un’irragionevole dose di belle speranze –, quando si ritrova per le strade di Thune, decide di aprire lì un caffè. Il primo caffè della città, per essere precisi.

Ma il suo sogno di un nuovo inizio e di giornate passate a servire bevande aromatiche anziché a roteare lame deve attendere.

Già: da un lato ci sono vecchi nemici che non hanno alcuna intenzione di abbandonare la lotta; dall’altro gli abitanti di Thune, che non hanno mai assaggiato un latte macchiato e quindi non sanno di averne bisogno.

Viv vuole a tutti i costi appendere la spada al chiodo, ma non può farcela da sola. Per fortuna incontrerà un gruppo di amici con i quali costruire una nuova famiglia e una nuova vita. Perché il bello dei viaggi su sentieri sconosciuti sono i compagni di strada che incontri lungo il cammino.

Che ad attirarli siano antichi incantesimi, pasticcini fragranti o tazze fumanti, possono comunque diventare alleati, famiglia, o qualcosa che Viv non avrebbe mai nemmeno sognato. Il volume include anche il racconto “Pagine da riempire” e un’intervista con l’autore.


Un fantasy sul coraggio di cambiare: found family

Viv è un’orchessa, e tutti sanno cosa fanno le orchesse, nella vita: combattono, picchiano, sono sempre sporche del sangue di qualcun altro. Ma Viv è stufa di continuare così: vuole ritirarsi, vivere in tranquillità e aprire un caffè dove la gente possa rilassarsi e godersi una piccola coccola culinaria.

La città di Thune sembra perfetta per la sua nuova attività e, con l’aiuto di una gemma leggendaria che sembra poter fare miracoli, non vede l’ora di iniziare questa nuova avventura. Peccato che, ovviamente, non sia così facile: puoi appendere (metaforicamente o non) la spada al chiodo ma non è detto che il passato sia così disposto a lasciarti stare.

Meglio concentrarsi sul presente e sui nuovi amici che scoprirà disposti ad affiancarla in questo progetto: se la Gemma li ha messi sul suo cammino, un motivo dovrà pur esserci.

Un nuovo genere di fantasy

Legends & Lattes è un romanzo cozy fantasy scritto da Travis Baldree, edito in Italia da Mondadori.

Per chi non lo sapesse, il cozy fantasy è un sottogenere che comincia a fare capolino da poco nelle librerie: esattamente come suggerisce il nome, qui non troverete battaglie sanguinolente o scontri al cardiopalma, anzi. Gli autori che decidono di affacciarsi a questo genere prediligono storie con pochi drammi, senza per questo rinunciare alla trama.

Secondo Baldree, l’ascesa di questo sottogenere può essere stata influenzata dal periodo del lockdown, in cui i lettori preferivano rifugiarsi in mondi luminosi, in cui fosse forte il senso della comunità. L’idea di Legends & Lattes, rivela l’autore nell’intervista di fine volume, è strettamente connessa al periodo del Covid, e ha visto la luce grazie al NaNoWriMO, una challenge di scrittura che spinge gli autori – o gli aspiranti tali – a scrivere un romanzo in un mese.

Personaggi lontani dagli stereotipi del genere

Quali sono dunque le particolarità di questo romanzo?

Sicuramente la scelta di inserire personaggi a cui associamo determinate caratteristiche, per poi stravolgerli completamente: Viv ha il portamento e la corporatura di un’orchessa, ma questo non la rende meno sensibile e aperta verso gli altri.

Tandri è una succuba, e come tale viene sempre guardata con un po’ di diffidenza, ma è prima di tutto una ragazza normale, con tanta voglia di impegnarsi e di far crescere il caffè in cui ha iniziato a lavorare, trattandolo come se fosse suo.

Intorno a loro due ruotano una serie di personaggi secondari, cittadini di Thune, che vi faranno sciogliere il cuore e che desidererete avere come vicini di casa.

Un romanzo per i momenti di relax: slow burn

Il racconto scorre come un fiume tranquillo: è il romanzo perfetto da leggere in un giorno di pioggia, o quando fuori si gela. Ti avvolge come una coperta, ti fa venir voglia di mangiare tutti i dolcetti che sforna il pasticcere spillo e – perché no – di aprire un’attività tua, anche se senza la Gemma potrebbe essere un problema… O forse no?

Al fondo del libro è presente un racconto, Pagine da riempire, che ci fa conoscere Viv quando ancora si comportava come tutte le altre orchesse del mondo (fantastico). Ho apprezzato molto questa parte, che permette al lettore di respirare di più il cambiamento del personaggio.

Forse se l’avessi letta prima, avrei empatizzato maggiormente con Viv, ma non importa: la protagonista sa come farsi amare da tutti coloro che sanno andare oltre i pregiudizi e non vedono l’ora di sedersi e di gustare un’ottima tazza di caffè. Con un dolcetto o due, grazie!

Conclusione

Consigliato a chi sente il bisogno di uscire dai soliti schemi, a chi rifugge le scene eccessivamente violente e proprio per questo, di solito, si tiene lontano dai fantasy.

Credo che possa essere una lettura interessante anche per i più giovani, anche se potrebbero annoiarsi leggendo tutto ciò che riguarda l’apertura di un’impresa, per quanto fantasy essa sia. L’evoluzione del rapporto tra le due protagoniste, pur rimanendo sempre molto delicato, è un buon modo per confermare il fatto che l’amore abbia sempre lo stesso valore, non importa chi sia a provarlo.

4.0 out of 5.0 stars

Simona!

Disclaimer: l’autrice di questo pezzo non avrebbe mai avuto basi solide su cui lavorare, se non fosse stato per l’interessantissimo articolo sul cozy fantasy scritto da Gloria & Sephira (Moedisia), che potete trovare sul sito della Lumien edizioni al link: https://www.lumien.it/cozy-fantasy-caratteristche/

Ringrazio di cuore i ragazzi della Lumien che mi hanno permesso di utilizzarlo come fonte.

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x