Buongiorno readers! Oggi è un buon giorno per introdurvi a una nuova serie di articoli, dedicati agli autore per capire da che libri iniziare a leggere per conoscerli nel profondo e noi vogliamo iniziare con 3 libri di Ilaria Caserini. Pronti a conoscerla?

Siamo sempre pronte a conoscere nuovi autori e a intraprendere avventure nelle loro storie, ci fa sentire onorate dare spazio a quelle trame che vogliono lasciare il segno. È il caso di Ilaria Caserini, che abbiamo avuto il piacere di conoscere attraverso la neonata collaborazione con il Collettivo scrittori uniti.

Chi è Ilaria Caserini?

Maria Ilaria Caserini è una quarantenne sempre dedita alla scrittura e ha da sempre coltivato la sua passione per la scrittura, in versi e in prosa. Ilaria è un’autrice amante dei libri e la lettura e soltanto dopo vent’anni di vita passati a lottare una guerra silenziosa con la depressione fino a dare la luce al suo animo è riuscita a scrivere il suo primo romanzo d’esordio: Autopsia di un’emozione.

Donna dolcissima e gentile accompagna il lettore attraverso un viaggio di speranza, perché si, Ilaria vuole donare a chi legge i suoi libri una luce in cui credere. Proprio su questa linea di pensiero tutti i romanzi di Ilaria raccontando di tematiche importanti e attualissime per la nostra società, fino a scardinare il tabù della società mentre mette nero su bianco le sue parole.

Se in Autipsia di un’emozione si affronta la depressione, nello spin-off AmoreSsia si dà ampio spazio ad anoressia, legami conflittuali e parallelismi tra anziani e giovani.

Due romanzi e una raccolta di poesie dal grande potenziale che vogliamo lasciarvi a scoprire.

Autopsia di un’emozione

Collana Policromia

“La depressione è una condizione raccapricciante, un malessere che ti priva di ogni cosa. Ti sembra di non riuscire più a vivere, hai la mente e il cuore paralizzati dal tuo disagio e nei rari momenti in cui riesci a provare ancora qualcosa è solo perché ti senti morire”.

La depressione è definita il “male del secolo” anche se, in realtà, è una piaga che non ha tempo, non ha età. Ha colpito Egidio, giovane uomo che negli anni cinquanta si è ritrovato rinchiuso in manicomio per “Incapacità di condurre una vita normale” e ha colpito Anna, brillante trentacinquenne che nel nuovo millennio è sprofondata in un abisso profondissimo rischiando di non risalire più. Due storie che corrono parallele, distanti nel tempo, ma vicine nel significato e nell’epilogo che infonde speranza e sprona a non arrendersi mai, nonostante il dolore, nonostante il buio che sembra non volersi dissolvere mai.


AmoreSsia

«Percorsi chilometri e chilometri, quasi senza rendermene conto. A ogni falcata gioivo, immaginando di calpestare, correndo, tutte le maledette calorie ingurgitate in più nell’ultimo periodo.»

Una lotta estenuante, quella di Isabella, personaggio secondario della precedente opera dell’autrice, “Autopsia di un’emozione”, e ora protagonista di “Amoressia”. Lotta contro sé stessa, contro sua madre, contro un mondo che sente troppo distante da lei. Nella sua vita pochi affetti, tra cui spiccano l’anziana ma vigorosa Giancarla, e il suo nuovo amico, Damiano, tanto enigmatico quanto premuroso. Un romanzo che parla di mare, di buio, di luce, di corpi nascosti, di anime svelate, di battaglie interiori, di conflitti famigliari. Un libro a tratti da degustare con calma, come un vino corposo nelle fredde serate invernali, e a tratti da bere con smania, come una birra ghiacciata negli afosi pomeriggi estivi.

“Sono in vacanza, sono al mare, camminerò molto, correrò, nuoterò…” pensai.
«Isabella, e tu? Cosa prendi?»
Le mie elucubrazioni furono interrotte dalla voce di mia madre; trasalii e, col menù stretto forte in mano, con nervosismo e inquietudine ordinai del
polpo in insalata verde.

A piedi nudi nell’anima

Raccolta di poesie che raggruppano la sua grande passione per i versi!

Stordiamoci di respiri, di luci, di colori
Stordiamoci di vita, stordiamoci di emozioni
Stordiamoci di sussulti
Stordiamoci!

Parlare di tematiche importanti è sempre un punto focale della nostra comunicazione, crediamo nel dare spazio a spunti di riflessione e di sensibilizzazione per la nostra società. Ilaria Caserini ci dà pienamente spazio per affrontare argomenti significativi come la depressione, l’anoressia, i legami difficili e rapporti famigliari conflittuali.

Voi conoscevate il suo stile narrativo? No? Allora dovete rimediare e conoscerla attraverso i suoi personaggi dal grande spessore!

Clara!

Informazioni sull'autore

Ho aperto Dreamage Blog nel 2017! Sotto sotto sono la più ansiosa delle blogger e quella che legge di più. Viaggio e fotografo in giro per il mondo, ma insieme a me ho sempre qualcosa da leggere, non importa il genere! Lavoro come Content creator e Social Media Manager, se cercate una mano a gestire i vostri profili contattatemi!

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x