Buongiorno readers! Oggi vi parlo di una romanzo d’amore di Suzanne Wright, che affronta nella sua storia trope come il matrimonio di convenienza, il forced proximity e il grumpy x sunshine. Ti parlo di Il favore. Un matrimonio di convenienza! Pronti a scoprire questa storia?

Il favore di Suzanne Wright 

Vienna Stratton sa di dover incolpare soltanto se stessa per come sono andate le cose. Nessuno, anche se disperato, dovrebbe farsi aiutare da un uomo come Dane Davenport, perché prima o poi lui gli presenterà il conto. Come sua assistente personale, è sempre stata ben consapevole che il successo di Dane è dovuto alla spietatezza e all’inflessibilità con cui conduce i suoi affari.

Se Vienna avesse saputo quale sarebbe stato il prezzo da pagare, forse non si sarebbe rivolta a lui per farsi dare una mano, perché da Dane ha imparato una cosa: il diavolo in realtà è infinitamente seducente e accattivante, non mostruoso e terrificante.

E quel demonio le sussurra di arrendersi alla tentazione e peccare, di lasciarsi marchiare e possedere, risvegliando ogni sua più intima fantasia. Il problema è che le fa anche credere di poterlo amare…


Forced proximity e age gap

Dave Davenport è un uomo potente, inflessibile, sembra non provare alcun tipo di emozione e conduce il suo impero senza fare sconti a nessuno. Vienna Stratton è la sua assistente, una ragazza forte, determinata, senza peli sulla lingua che a un certo punto della sua vita si vede costretta a chiedere un favore al suo capo.

Questo favore prima o poi dovrà essere riscosso da Dave e quando alla soglia del suo trentottesimo compleanno deve sposarsi per poter avere la sua parte di un fondo fiduciario, decide che è arrivato il momento di riscuoterlo.

Dave e Vienna dovranno restare sposati almeno un anno se Dave vuole avere i soldi del fondo. Un gioco da ragazzi, dovranno solo fare qualche uscita pubblica, farsi vedere affiatati sul lavoro e soprattutto non devono lasciarsi scappare che il loro è solo un matrimonio di convenienza.

Tutto procede bene, ma quando entrano in gioco i sentimenti la questione si complica e quello che credevano fosse solo un matrimonio di convenienza si trasformerà in qualcosa di più.

1 pov: grumpy x sunshine

In questo romanzo targato Hope Edizioni l’intera storia viene raccontata dal punto di vista di Vienna. È attraverso i suoi occhi che scopriamo il personaggio di Dave, un uomo tutto d’un pezzo, musone e sembra immune a qualsiasi tipo di emozione.

Man mano che Vienna vive a stretto contatto con lui, scopre che questo suo comportamento è causato dal trauma che ha subito da bambino per mano di suo padre. Dave stando vicino a Vienna pian piano sente sgretolare quel muro che ha costruito per non provare più paura, capisce che può fidarsi di lei e alla fine riesce a parlare del suo passato.

Vienna, nonostante abbia alle spalle un’infanzia alquanto dolorosa, è una ragazza solare, piena di vita, sempre pronta a mettere gli altri al primo posto.

La sua vena ironica, le sue battute, me l’hanno fatta amare fin da subito e devo ammettere che un po’ mi è dispiaciuto che l’autrice non abbia inserito anche il punto di vista di Dave e in alcuni passi del romanzo mi sarebbe piaciuto conoscere i suoi pensieri.

I personaggi secondari, i fratelli e le cognate di Dave, il padre di Vienna, i genitori adottivi della ragazza e la sua sorellastra completano l’intera storia, influenzando i comportamenti e le azioni dei protagonisti.

Stile diretto con temi importanti

La scrittura di Suzanne Wright è semplice, diretta, è riuscita a parlare del Disturbo Dissociativo dell’ Identità spiegando i sintomi, i comportamenti, le cause senza appesantire la lettura.

Affronta in maniera delicata il tema dei maltrattamenti e degli abusi sui minori, sia quelli che subiscono Dave e i suoi fratelli, sia quelli che subisce Vienna da parte di sua madre.

Un romanzo che parla di fiducia, quella che viene a mancare a causa di qualcuno che ci fa del male, ma anche di amore, perché Dave inconsapevolmente è da sempre innamorato di Vienna, l’unico raggio di sole nella sua vita fatta di lavoro e successo.

Questo libro lo consiglio a chi vuole fare un viaggio insieme a Vienna e Dave in un matrimonio dove nulla è come sembra, dove ognuno, a modo suo, aiuta e sostiene il proprio partner e dove, alla fine, anche il più musone degli uomini inizierà a sorridere di nuovo.

Valentina!

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x