Spilliamo Cultura

Spilliamo Cultura – Ribellarsi o tacere?

Hi readers, oggi vi proporrò una tematica piuttosto importante e cruda, la violenza sulle donne e il femminicidio, consigliandovi alcuni film, libri e serie TV che vi racconteranno alcune delle testimonianze di donne abusate che vi faranno gelare il sangue nelle vene.

Oggi affronteremo un tema più complesso, tutt’oggi presente e forse più ampio del nostro immaginario. Parleremo della violenza sulle donne, un tema difficile e allo stesso tempo estremamente delicato.

La violenza sulle donne o talvolta femminicidio spesso nasce da un’amore malato, che poi per sé amore non è, in cui la vittima per paura di prendere più botte o peggio ancora di morire, sta in silenzio e nasconde il suo dolore nel cuore, ma i lividi non riesce mai a nasconderli e dopo un abuso e l’altro, trova il coraggio di parlare. Però non sempre una vittima di abusi, riesce ad’urlare di esserlo in tempo e purtroppo, il caso che poteva essere di violenza domestica, diventa un femminicidio.

Le statistiche sono veramente allarmanti, perché i casi di violenza domestica o di femminicidio sono gravemente aumentati, e assieme ad esse sono aumentate anche le rivolte contro la violenza sulle donne. Ciò che ogni donna che subisce questi abusi deve fare, è non lasciarsi divorare dalla paura e denunciare il suo aggressore, perché un uomo che picchia una donna è solo un codardo e sicuramente non prova alcun sentimento per lei, se non odio, gelosia e inferiorità.

Statistica del 2019 sul Femminicidio.

Movies!

Monster.

Charlize Theron si sottopone a un’incredibile trasformazione per interpretare la storia vera di Aileen Wuornos. Questa sin dall’età di 13 anni ha dovuto prostituirsi e il suo primo vero incontro con l’amore avviene quando conosce Selby, ragazza respinta dalla famiglia a causa della sua omosessualità. Le due iniziano una relazione, ma il passato di Aileen torna a tormentarla e presto questa si ritrova a uccidere i suoi clienti, dando così il via a una fuga disperata. 

Thelma e Louise.

Due amiche, frustrate dalla monotonia della vita, decidono di passare un week-end in montagna. Durante il viaggio si fermano in un locale dove un uomo, che ha tentato di violentare Thelma (Geena Davis), viene ucciso da Louise (Susan Sarandon). Per le due comincerà una lunga fuga verso il Messico, inseguite da un detective che cerca di comprendere la loro situazione. Thelma e Louise, tra mille peripezie, proveranno l’ebbrezza del profumo della libertà e della vita.

A Letto Con Il Nemico.

Sposatasi ancora adolescente con un uomo psicopatico e violento che la maltratta, la giovane Laura una sera approfitta di un incidente in barca per fingersi morta e riuscire a fuggire il più lontano possibile da lui. Con un nuovo aspetto e una nuova identità, la donna cerca di riprendere in mano la sua vita: incontra un nuovo compagno e ritrova sua madre, da cui il marito l’aveva allontanata. Ma quando il caso e alcuni indizi riportano l’uomo sulle sue tracce, sembra che l’incubo possa ricominciare. Strepitosa interpretazione di Julia Roberts.

Il ragazzo della porta accanto.

È il film del 2015 con protagonista Jennifer Lopez. Moglie da poco separata e madre, finisce a letto con il suo vicino di casa decisamente più giovane di lei. L’uomo diventa parte della sua routine, avvicina il figlio e si fa sempre più insistente. Quella del ragazzo della porta accanto diventa una vera e propria ossessione. E il personaggio interpretato da Jennifer Lopez finirà per rischiare la vita, in un finale drammatico e ricco di colpi di scena.

Il cacciatore di donne.

Del 2003 è invece il film Il cacciatore di donne, con Nicolas Cage e Vanessa Hudgens. Si tratta della storia vera del killer Robert Hansen, interpretato da John Cusack, uomo che ha violentato oltre 30 donne in Alaska, accusato di almeno 17 omicidi. Le vittime avevano un’età compresa tra i 16 e i 41 anni. Il killer è anche accusato del rapimento e dello stupro di Cindy Paulson, con cui si apre la pellicola. La giovane prostituta scappa dalla morsa dell’uomo e fornisce alla polizia dettagli preziosi, che permettono a chi conduce le indagini di battere una nuova pista. 

L’Uomo di Neve.

L’Uomo di Neve è una pellicola con protagonista Michael Fassbender (nelle tracce del’assassino), pone l’accento su questo aspetto: l’odio verso le donne da parte di chi ha subito un trauma da bambino, come l’antagonista. Donne uccise e decapitate: un odio malato che sfocia anche nel macabro.

Non perdetevi il suo libro di Jo Nesbo!

Serie TV!

Big Little Lies.

Celeste, Madeline e Jane sono tre amiche di Monterey, sulla costa californiana, alle prese con quei problemi che molte mogli e madri affrontano ogni giorno. Mentre Celeste subisce gli abusi del marito, Madeline soffre perché la figlia sta crescendo accanto alla nuova compagna del suo ex. La single Jane, da poco arrivata in città, è invece sulle tracce del padre di suo figlio. Le vite solo in apparenza perfette di ognuna si ritrovano a un bivio quando il caso di un misterioso e brutale omicidio avvenuto durante una riunione dei genitori nella scuola frequentata dai figli irrompe nella loro loro quotidianità.

Unbelievable.

Quando l’adolescente Marie Adler (Kaitlyn Dever) si rivolge alla polizia per sporgere denuncia sostenendo di essere stata vittima di stupro per mano di uno sconosciuto che si è introdotto nella sua abitazione, gli inquirenti che indagano sul caso, così come le persone più vicine a lei, iniziano a dubitare della veridicità della sua storia. A centinaia di chilometri di distanza, le ispettrici Grace Rasmussen e Karen Duvall (Toni Collette e Merritt Wever, entrambe vincitrici di un Emmy Award) si conoscono mentre indagano su altri due casi di irruzione e stupro che sono inquietantemente simili a quello di Marie. Rasmussen e Duvall si uniscono per indagare e catturare quello che potrebbe rivelarsi essere uno stupratore seriale.

North Country – Storia di Josey.

Questo film del 2005, tratto da una storia vera, narra la vita complicata di Josey Aimes, una giovane madre di due figli che decide di fuggire da un marito violento. La donna affronta diverse difficoltà mentre cerca di rifarsi una vita: trova un redditizio lavoro in miniera, ma, in quanto donna, è sottoposta a continue minacce e umiliazioni. Esasperata, decide di licenziarsi e portare a giudizio l’azienda, ma si ritrova a lottare quasi completamente sola, senza il sostegno della famiglia e delle colleghe che pure hanno subito gli stessi maltrattamenti.

Books!

Millennium, Uomini che odiano le donne.

Sono passati molti anni da quando Harriet, nipote prediletta del potente industriale Henrik Vanger, è scomparsa senza lasciare traccia. Da allora, ogni anno l’invio di un dono anonimo riapre la vicenda, un rito che si ripete puntuale e risveglia l’inquietudine di un enigma mai risolto. Ormai molto vecchio, Henrik Vanger decide di tentare per l’ultima volta di fare luce sul mistero che ha segnato tutta la sua vita. L’incarico di cercare la verità è affidato a Mikael Blomkvist: quarantenne di gran fascino, Blomkvist è il giornalista di successo che guida la rivista Millennium, specializzata in reportage di denuncia sulla corruzione e gli affari loschi del mondo imprenditoriale. Sulle coste del Mar Baltico, con l’aiuto di Lisbeth Salander, giovane e abilissima hacker, indimenticabile protagonista femminile al suo fianco ribelle e inquieta, Blomkvist indaga a fondo la storia della famiglia Vanger. E più scava, più le scoperte sono spaventose.

Seguite tutta la sua Trilogia!

Questo non è amore, AA. VV. 

Dalle autrici del blog del Corriere.it “La 27ORA”, il libro-denuncia sugli abusi e le violenze a cui moltissime donne sono sottoposte nel nostro paese.

Sono troppe le donne uccise in Italia dal compagno o ex compagno. Numeri che raccontano un’emergenza nazionale. Anche perché gli omicidi, spesso, sono l’ultimo atto di anni di abusi, vessazioni, maltrattamenti. Storie quotidiane, ci insegna la cronaca. Storie che possono capitare a chiunque. Attraverso il racconto di ogni protagonista, i fatti, le emozioni, le botte, si svelano le cause scatenanti e le dinamiche di coppia. 

Io ci sono, La mia storia di non <Amore>. 

16 aprile 2013, una sera qualunque. Lucia, una giovane avvocatessa di Pesaro, torna a casa dopo essere stata in piscina. Ad attenderla, dentro il suo appartamento, trova un uomo incappucciato che le tira in faccia dell’acido sfigurandola. Le ustioni, devastanti, corrodono anche il dorso della sua mano destra. Quella stessa notte viene arrestato come mandante dell’aggressione Luca Varani, avvocato, che con Lucia aveva avuto una tormentata relazione troncata da lei nell’agosto del 2012 e che, secondo la magistratura, aveva assoldato per l’agguato due sicari albanesi, pure loro poi arrestati. Come avviene in molti, troppi episodi di violenza contro le donne, anche in questo caso è stato l’abbandono a innescare la miccia del risentimento. 

Chi ama una donna, non la sfiorerebbe neanche con un fiore.

Spero che i miei consigli cinematografici e letterari vi siano stati utili per capire eapprofondire come vivono le donne durante e dopo gli abusi fisici e mentali.

Avete visto o letto uno di questi? Oppure non siete d’accordo con le mie proposte?

Fatemi sapere nei commenti la vostra!

La vostra Sara!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *