Buongiorno readers, oggi vi porto con me a conoscere Christianne e la sua storia nel romanzo La regina rossa. Curiosi di incontrarla?

La regina rossa: un viaggio nel tempo?

Nell’Inghilterra di metà ‘800 una bambina orfana viene adottata dalla nobile famiglia Klein, ma un abbozzo di sesto dito e un neo sul viso vengono considerati marchio di stregoneria, segnando il destino della piccola, che verrà cresciuta nel sospetto.

In seguito alla morte di una delle sorelle, però, Christianne scoprirà di essere davvero in grado di vedere lo spirito dei morti e di poter comunicare con loro.

La sua vita, così, verrà completamente stravolta, e tra fantasmi, segreti e inquietanti misteri, cercherà di svelare la verità sul proprio destino e sulla storia di una delle regine d’Inghilterra più famose di tutti i tempi: la Regina Rossa.


Ho scelto di leggere questo romanzo attratta dall’atmosfera da caccia alle streghe, ma nella lettura ho scorto un elemento in più che mi ha trascinato inesorabilmente nelle avventure di Christianne e la tessitura storica di questo libro.

La Regina Rossa è una storia appassionante e ben costruita, ricca di intrighi, misteri, odio, amore e un sacco di colpi di scena, gli avvenimenti sono narrati con naturalezza senza dare per scontati i dettagli.

Bella e particolare!

Il romanzo è ambientato nell’Inghilterra di metà ‘800 e si fonde alla perfezione col clima storico in cui si colloca, per me è una scelta interessante e particolare che potrebbe riuscire a scalfire i grandi classici storici a tema fantastico. Altro elemento presente nella storia è l’esoterismo, che secondo me meritava più spazio e profondità d’argomentazione perché è una tematica affrontata sempre affrettatamente, soprattutto se legata alla caccia alle streghe nella storia, per cui mi sarei aspettata di leggere di più.

I personaggi sono costruiti con attenzione, molto intriganti nel loro essere, ma purtroppo alcuni mi sono apparsi non del tutto completi e forse meritavano più spazio nella storia, sono un esempio le sorelle della protagonista o gli altri personaggi cardine della storia. Probabilmente queste piccole attenzioni avrebbero intensificato la percezione emotiva della storia.

È un romanzo che mi è piaciuto da un lato, mentre dall’altro mi avrebbe fatto gola poterne leggere di più, poiché l’ho trovato, forse, troppo corto e senza aver dato un volto reale alla storia d’amore.

E tu hai letto La Regina Rossa? Cosa ne pensi?

Classificazione: 3.5 su 5.

Ho scelto di dare questo voto, anche per via del fatto che la tematica dell’adozione poteva essere affrontata meglio, poiché ha lasciato molti interrogativi nella mia mente e l’ho a malapena sentita nella storia.

Clara

Informazioni sull'autore

Sono la Boss di Dreamage Blog, ma sotto sotto sono la più ansiosa delle blogger e quella che legge di più. Viaggio e fotografo in giro per il mondo, ma insieme a me ho sempre qualcosa da leggere, non importa il genere!

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: