Genesis Publishing,  Recensioni

Recensione – “Un sussurro dagli abissi” di Alex Rizzo!

Hi readers, oggi vi introdurrò in un mondo dove le sirene si nascondo negli abissi dei nostri mari. Curiosi?

All’inizio la storia può sembrare un po’ lenta però mano a mano nella lettura la velocità prende un ritmo incredibile, soprendendovi ad ogni capitolo. Ma in questo libro non c’è posto per la dolcezza, tenevi pronti a immergervi nelle profondità di questo mare agitato.


Il primo protagonista che vedremo è Andrea, un uomo che dona la sua vita per salvare i profughi che cercano una disperata via di fuga dal loro inferno viaggiando verso la Sicilia. Un soccorritore sempre pronto a tirarsi su le maniche per aiutare il prossimo, che però in un giorno lavorativo come gli altri tra riportare a galla gli uomini e le donne che riescono a sopravvivere a quel lungo tratto di mare, Andrea vede qualcosa d’insolito tra quelle acque che tanto conosce, vede una donna bianca dalle strane sembianze fisiche. Nel suo equipaggio nessuno sembra credergli, pensavo quasi che le sue fantasie abbiano giocato la peggio su di lui. Qualche giorno dopo, riceve una chiamata strana, dove viene informato che gli sarà concesso l’onore di lavorare per un azienda molto ricca, solo che il compito che dovrà compiere per lui rimarrà un totale mistero. La curiosità avrà la meglio su di lui, e quindi accetterà il lavoro e il “dolce” invito a partire per Londra, arrivato a destinazione scoprirà che quel lavoro sarà impossibile da compiere a dir poco assurdo per qualunque uomo su questa terra. Quella strana donna dalla sembianza macabra avrà a che fare con questo improvviso lavoro?

Quale sarà la decisione di Andrea? E quali terribili conseguenze avrà quella sua decisione?


Una storia dove antiche leggende e misteriose verità si ritroveranno a combattere una contro l’altra per avere l’attenzione di ogni loro lettore. Indubbiamente hanno vinto entrambe nel mio caso poiché non sono più riuscita a levare i miei occhi dalle righe del libro, finché non ho raggiunto i ringraziamenti. 

Una mente idilliaca che accompagna una scrittura liscia come un mare senza onde, dove è facile seguire tutti i capitoli senza trovare mai un calo d’attenzione nel lettore. Sono rimasta colpita dal accuratezza delle caratteristiche fisiche delle sirene come creature mitologiche e macabre, ma allo stesso tempo avevano un qualcosa di incredibilmente seducente.


È risaputo che le sirene siano sempre state creature malefiche che attirano e catturano le proprie vittime grazie al loro canto ammaliatore per poi divorarle. Ma in questa lettura non avrei mai immaginato, una descrizione così dettagliata di ogni cattura, e poi ancora meno le macabre descrizioni per i loro banchetti di carne umana. Sono riuscita più volte a sentire il magone in gola, la disperazione e il terrore dei nostri protagonisti, cosa che non capita in tutti i libri. Solo un buon “cantastorie” riesce a trasmettere a pieno queste emozioni e sensazioni.

Alex Rizzo ha saputo arrivare al mio cuore con questo romanzo stupendo, non ha mai smesso di sorprendermi, neanche durante il finale del racconto. Il suo finale è sicuramente inaspettato e innovativo, però non sto a dirvi altro perché dovreste essere voi a scoprire di più, leggendo per filo e per segno questo racconto pazzesco!


Ho amato moltissimo l’aggiunta di ironia alla narrazione, alcuni dei suoi protagonisti sono proprio contagiosi, riescono a portare il loro sorriso fino alle nostre bocche che bramano sempre più ogni riga come se potesse essere l’ultima. Fortuna che i sorrisi allungano la vita! 

Se amate anche voi la mitologia e le leggende che si porta con sé, non vi resta che leggere un sussurro dagli abissi! 
         

    Voto 📚 📚 📚 📚 /5

E voi cosa ne pensate di questo romanzo dalle sfumature macabre? Commentate!

La vostra Sara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *