Buongiorno lettori! Oggi torno con la recensione di Guilty, un romance forbidden love, condito con un insta love, dalla penna di Monica B. Seguitemi alla scoperta di questa nuova uscita, dove l’autrice ci trasporta all’interno di una storia d’amore proibita!

Guilty di Monica B.

Mi chiamo Ava Anderson, o almeno così pensavo fino a poco tempo fa, quando un uomo si è presentato alla mia porta e ha strappato il velo di menzogne che avevo davanti agli occhi, svelandomi che sono stata adottata.

È da qui che sono iniziati i miei guai.
Sono finita in Canada, in quello che ha tutta l’aria di essere una castello, perché è lì che vive la mia famiglia d’origine.

Poi ho conosciuto lui, Damien. Capelli scuri e sguardo di ghiaccio. Il primogenito dei Lacroix. Mio fratello.
Ci ho provato. Ho tentato con tutte le mie forze di odiarlo. Per allontanarlo da me.
Mentre il mio corpo non faceva altro che desiderarlo. E, quando anche lui ha ammesso di volermi, abbiamo capito che niente avrebbe mai potuto mettersi tra noi.

Siamo colpevoli.
Colpevoli di desideraci come l’aria che respiriamo.
Colpevoli di cercarci, anche se nelle nostre vene scorre lo stesso sangue.
Colpevoli di amarci.

Stare insieme è un peccato. Ma peccare non è mai sembrato più dolce.


Nel mondo dei ricchi

Questo libro segue la storia di AVA, una ragazza diciottenne che scopre, come un fulmine a ciel sereno, di essere stata adottata e viene catapultata in un mondo a cui non appartiene, fatto di regole rigide, ricchezza e falsità, dove l’impressione che viene data al prossimo è più importante della sostanza.

Le vicende si svolgono quasi per intero all’interno della villa dei Lacroix, la nuova famiglia di Ava, dove la protagonista cerca di barcamenarsi tra guardie del corpo ed un padre freddo e distaccato, che sembra volerla lì solo per non causare uno scandalo.

Fin dal principio, percepiamo perfettamente come questa casa renda Ava irrequieta, portandola più volte a chiedersi se ha compiuto la scelta giusta a seguire il padre. L’autrice è riuscita a rendere un ambiente grande come questa villa estremamente claustrofobico e poco gradevole.

Quando i protagonisti sono due fratelli

Questo romance ricade alla perfezione nel trope Forbidden Love, in quanto Ava e Damien, i nostri due protagonisti, condividono lo stesso padre.

Come si può immaginare, questa dinamica è centrale lungo tutta la durata del libro ed è il freno iniziale alla storia dei due ragazzi. Dalla prima volta che si vedono, facendo ricadere questo libro anche nella categoria degli Insta Love, Ava e Damien non possono fare a meno di sentirsi attratti l’uno dall’altra, nonostante la loro parentela, ma sono ovviamente restii a seguire le loro emozioni.

Proprio per questo motivo, è una lettura da iniziare con una certa consapevolezza, soprattutto perché ho avuto l’impressione che l’argomento non sia stato affrontato con i giusti mezzi. Ad esclusione dei protagonisti, che cercano, almeno inizialmente, di combattere questa attrazione, i personaggi secondari che vengono a conoscenza della loro relazione non reagiscono in maniera realistica.

Sono consapevole che in tante culture nel mondo i rapporti tra consanguinei non sono un problema, ma in molti paesi occidentali è addirittura un reato. Per questo sono rimasta stupita di fronte alle reazioni degli amici e dei familiari di Ava e Damien, che accolgono la notizia senza remore e volenterosi di aiutarli e sostenerli in questa loro relazione.

Personaggi che si auto-descrivono

Ho trovato che la caratterizzazione dei personaggi fosse il grande punto debole di questo libro.

La storia è narrata con doppio pov, quello di Ava e quello di Damien. Sono loro stessi che durante i loro capitoli ci spiegano dettagliatamente i propri pregi, difetti e caratteristiche morali. Il problema sorge quando è il momento di mettere in atto queste descrizioni.

Per esempio, la protagonista ripete un buon numero di volte di essere fredda e distaccata, ma a conti fatti, non è assolutamente vero. Anzi, per tutto il libro, seguiamo i suoi sbalzi d’umore e le sue sfuriate.

Inoltre, il rapporto tra i due protagonisti non ha una vera e propria evoluzione. Mi aspettavo che fosse frettoloso, dal momento che si innamorano a prima vista, ma anche con questa premessa non si percepisce per niente il loro avvicinamento.

Le loro emozioni nascono dal nulla ed improvvisamente sono disposti a rinunciare a tutto per stare insieme, quando i pensieri più profondi che hanno l’uno verso l’altra riguardano principalmente il loro aspetto fisico.

Per concludere

Ho apprezzato abbastanza la ricerca di indipendenza della protagonista e la sua volontà di sentirsi accettata, ma poco i protagonisti e le loro sfaccettature.

È una lettura scorrevole, che si lascia leggere in fretta, ma non mi sento di consigliarla a pieno.

3.0 out of 5.0 stars

Lisa!

Ti potrebbe piacere:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x